Fiori, Piante, Progetti, Lavori nel verde

Vuoi inviare una foto di una malattia?

Inviaci una e-mail e inserisci in allegato la foto della pianta o della foglia che credi malata, ti risponderemo al più presto.

Invia la foto all'agronomo Clorofilla:

e-mail clorofilla

e-mail hydrangeaquercifolia

 

 
Colonia di afidi su fiore di cedro (foto inviataci dal sig. Maurizio).


Forte attacco di oziorrinco (Othiorrincus sulcatus) su foglie di edera. Questo coleottero, simile ad un piccolo scarafaggio, vive nel terreno come larva, e da adulto ha abitudini notturne. La notte usa il suo robusto apparato masticatore per rodere in modo caratteristico i bordi delle foglie. La lotta chimica ha successo solo in vaso. Nel terreno si ottengono migliori risultati con i preparati biologici a base di nematodi.


Danni da Frankliniella occidentalis su lauroceraso. Questo piccolissimo insetto rincote si muove sulla pagina inferiore della foglia, lasciando escrementi nerastri e provocando vasti ingiallimenti fogliari a causa delle sue punture. La lotta va effettuata con insetticidi (meglio se naturali) con i quali irrorare la pagina fogliare inferiore.


Ecco altre due bellissime immagini di Frankliniella inviateci dal sig. Guido Ballabio. A destra si vede l'insetto ingrandito parecchie volte.

 
Forte attacco di cocciniglia su pitosforo (foto inviataci da Mario Orsi).

 
Cocciniglia virgola su foglia d’arancio

 
Necrosi da funghi su foglia di Spathyphyllum in appartamento. La malattia è distinguibile da una fisiopatia per la zona gialla di reazione alla sostanza tossica emessa dal fungo (foto di Laura Marchesi).


Spesso fallanze di questo tipo in una siepe di lauroceraso sono dovute a ristagni d’acqua locali. Se si reimpiantano nuovi esemplari senza rimuovere il problema, li si destina a morte sicura.


Un esempio di mal bianco su foglie di Prunus laurocerasus in fase avanzata, già al livello della perforazione delle lamine fogliari. Trattamenti ripetuti con zolfo o altri antioidici possono rimuovere il problema nel giro di qualche mese.


Pagina superiore della foglia di un Impatiens “Nuova Guinea” attaccato da acari (foto inviataci dal sig. Baratelli)


La conifera di destra ha gli aghi tutti imbruniti per un attacco fungino legato, di solito, ad eccessi idrici o ristagni. E' urgente e necessario intervenire con prodotti fungicidi sistemici.


Un grave attacco di cocciniglia su Evonymus. Insetto dall’apparato boccale pungente succhiante, la cocciniglia lavora protetta da un piccolo "guscio" che vanifica l’effetto di molti prodotti insetticidi. E’ necessaria potatura dei rami più colpiti, raschiatura superficiale degli altri (per danneggiare la protezione), e trattamenti con olio bianco.


Rosa rampicante colpita da ticchiolatura. Il fungo penetra attivamente nella foglia in condizioni di umidità e temperatura sufficienti, e provoca dapprima un ingiallimento della lamina, seguito dalla comparsa di ampie macchie brune tondeggianti. La pianta risulta indebolita e perde parte della fioritura. Rimuovere le cause (ombra, eccesso umidità, infezione da altre piante colpite), e proteggere con prodotti rameici.


Cecidomia del bosso (Monarthropalpus buxi), dittero abbastanza pericoloso le cui larvettine bianche penetrano all'interno dei tessuti più giovani. Richiede intervento con endoterapici.


Malattia cosiddetta degli "scopazzi" su una pianta di Weigelia. Di origine fungina o virale, è provocata dalla presenza di alti dosaggi di ormoni di tipo auxinico che inducono nella pianta abnormi risposte di crescita, con getti disordinati e nanizzati, molto fitti.
La lotta è differenziata a seconda dell'origine della patologia.

e-mail clorofilla
e-mail hydrangeaquercifolia
Agr. Dott. Mario Pria - Consulente presso Vivaio Clorofilla, Via D'Annunzio, 23 - 20068 - Peschiera Borromeo -Mi- cell. 3356032955