Fiori, Piante, Progetti, Lavori nel verde  
   

Piante acidofile
   


Gruppo di piante tra le più belle, con fioriture mozzafiato. Camelie, azalee, rododendri, ortensie, magnolie, eriche, kalmie, Leucothoe, Pieris, sono quasi tutte sempreverdi, amanti dei luoghi un po' ombreggiati, e desiderose di buone annaffiature.
Ci gratificano, in compenso, di fioriture meravigliose in diversi momenti della stagione.

Prendono il nome di acidofile (amanti dell'acidità) in quanto la loro origine montana le ha portate ad essere capaci di nutrirsi solo in terreni a reazione acida, cioè poveri di ioni positivi (calcio, potassio, sodio, magnesio). Per questo motivo devono essere messe a dimora in terre arricchite con torba acida, e concimate periodicamente con specifici concimi. Ancora meglio se periodicamente si effettuano somministrazioni di solfato di ferro.

L'ingiallimento fogliare è sintomo tipico di una non sufficiente acidità del terreno che ne impedisce la corretta nutrizione.


La camelia (Camellia japonica) apre i suoi splendidi fiori bianchi, rosa o rossi, all’inizio della primavera, ma mantiene il suo elegante fogliame per tutto l’anno.


Tra le camelie, disponiamo della bellissima Camellia sasanqua, che fiorisce in autunno inverno, invece che a inizio primavera.


La Camellia sinensis, invece (che abbiamo in serra), è la pianta del té (che si ottiene dalle foglie essiccate).

 
e-mail clorofilla
© VivaioClorofilla.it