Fiori, Piante, Progetti, Lavori nel verde  
   

I corsi del vivaio
   

| I SEGRETI DEL TERRENO E DELLA CONCIMAZIONE | I MACROELEMENTI | IMPIANTO E CURA DEL PRATO | LA SIEPE |

 

I SEGRETI DEL TERRENO E DELLA CONCIMAZIONE



IL TERRENO

Definizione di 'suolo' (disgreg.fisica, chim., biol. di roccia e residui)
Legge di zonalità
Cenni di nutrizione vegetale (Autotrofismo, fotosintesi)
Tessitura del terreno: effetti sulla fertilità
Capacità di scambio cationico: argille e sostanza organica
Struttura del terreno: micro e macroporosità, flocculazione
Funzioni della sostanza organica nel terreno
La "scatola nera": importanza dei microorganismi e azotofissazione
Prato naturale e artificiale


LA CONCIMAZIONE

Macro e microelementi
Funzioni dell'azoto e sintomi da carenza
Il ciclo dell'azoto
Funzioni del fosforo e sintomi di carenza
Funzioni del potassio e sintomi di carenza
Legge del minimo e botte di Liebig
Asportazione di elementi nutritivi da parte delle piante
Concimi chimici e organici: differenza di azione
pH del terreno: concimi fisiologicamente acidi
Concimi e ammendanti naturali
La composta: importanza e funzioni nel terreno
E' sempre necessario concimare?

>> INIZIO PAGINA

 


I MACROELEMENTI: AZOTO (N), FOSFORO (P), POTASSIO (K)


FUNZIONI DELL'AZOTO

Costituente delle proteine (aminoacidi) e degli enzimi
Contenuto nella clorofilla
Costituente degli acidi nucleici (DNA, RNA)

Azione violenta di stimolo all'accrescimento
Limite di produttività è dato dalla quantità massima di azoto assimilabile
Ritardo fioritura e fruttificazione (stimolo al verde)
Minore sviluppo tessuti meccanici (allettamento)
Aumento dei consumi idrici
Accumulo di nitrati/nitriti nei tessuti
Carenza: ingiallimento nervature dall'alto verso il basso


FUNZIONI DEL FOSFORO

Costituente di ADP e ATP (scambi energetici)
Partecipa alla sintesi clorofilliana (Ac.fosfoglicerico)
Costituente base degli acidi nucleici (DNA, RNA, sintesi proteica)
Sostanze di riserva vegetali (fitina, fosfolipidi)

Alti fabbisogni in fase di crescita
Fattore di precocità (fioritura, maturazione)
Carenza: ingiallimento esterno con arrossamento sui bordi


FUNZIONI DEL POTASSIO

Disciolto nel succo vacuolare
Regolazione permeabilità membrane
Catalizza sintesi zuccheri e grassi (sostanze di riserva)
Equilibrio acido-base nella pianta (neutralizza acidi organici)

Resistenza ad avversità e ad allettamento (tessuti meccanici)
Aumento della turgescenza cellulare
Frutta di colore più intenso e più ricca di zuccheri
Carenza: ingiallimento dei bordi
Antagonismo potassio-magnesio
Consumo di lusso: non basare i fabbisogni sulle analisi del contenuto

>> INIZIO PAGINA

 


IMPIANTO E CURA DEL PRATO



IL PRATO


Significato di "prato"
- Tipi: (rustico, naturale, inglese, foraggio/stabile, calpestìo, pacciamatura, sportivo)
- Estensione dello spazio vitale, della propria casa, legame con l'ambiente esterno

Le specie da prato
- Le graminacee (monocotiledoni, tipo di crescita, accestimento, organi riproduttivi)
- Le specie più diffuse (Lolium, Poa, Festuca, Agrostis)
- Prati speciali: Dichondra repens, Trifolium (nano), Convallaria japonica, tappezzanti
- Il "prato pronto"

L'impianto del prato
- La fertilità del terreno (esame visivo, tessitura, struttura, porosità, elementi nutritivi)
- Periodo ottimale d'impianto: motivi
- La concimazione di fondo (organica e chimica)
- Il diserbo di pre-impianto: non sempre è utile
- Il rivoltamento delle zolle: non sempre è utile
- La preparazione del letto di semina: perchè è così importante
- La scelta della semente: nana, rustica, da ombra o da sole
- Rullatura e irrigazione post-impianto
- Risemina delle zone di scarso attecchimento

La manutenzione del prato
- La conservazione della fertilità: concimazioni autunnali e primaverili
- Il taglio periodico: frequenze ottimali, altezza di taglio, differenze di crescita nei mesi
- Il "mulching" e la pacciamatura
- L'irrigazione manuale o con impianto
- Limitazione delle infestanti: diserbo manuale o chimico, o prevenzione?
- La risemina parziale, e la correzione di zone infestate

Patologie del prato
- Ingiallimento (carenze nutritive)
- Ristagno d'acqua
- Malattie fungine
- Insetti terricoli ed altri parassiti
- Disseccamento estivo e scarsa crescita

>> INIZIO PAGINA

LA SIEPE: IMPIANTO E CURA


Generalità sulle siepi

- Storia e significato delle siepi (delimitazione, protezione da vento, animali, parassiti, ma anche fonte di nutrimento per bestiame e per riscaldamento, riparo uccelli)
- Oggi: copertura e protezione da rumore e da vista
- Tipi di siepe: arborea, arbustiva, rampicante, naturale, ornamentale, mista
- Ingombro della siepe (rampicanti, lauro, Pyracantha)
- La concimazione d'impianto
- Il taglio della siepe (frequenza, altezza, ricerca della luce)
- Dovunque ci sia un muro o una rete, potrebbe esserci una siepe


Piante da siepe

- Il lauroceraso: pregi e difetti
- Alternative sempreverdi al lauroceraso: alloro, Photinia, Pyracantha, pitosforo, Berberis, bosso, ligustro, Evonymus, Elaeagnus, leccio, laurotino
- Le siepi di conifere (Cupressocyparis leylandii, Chamaecyparis lawsoniana 'columnaris glauca', Thuja occidentalis e plicata, Cupressus ecc.)
- Siepi di latifoglie: Carpinus betulus 'pyramidalis', Fagus sylvatica
- Rampicanti: Trachelospermum jasminoides, Lonicera caprifolium, edera, vite canadese, Polygonum aubertii, rose rampicanti.
- Siepi naturali autoctone: Rosa canina, Crataegus (biancospino), Amelanchier (pero corvino), prugnolo (Prunus spinosa), sorbo, rovere e roverella

 
e-mail clorofilla
e-mail hydrangeaquercifolia    
Agr. Dott. Mario Pria - Consulente presso Vivaio Clorofilla, Via D'Annunzio, 23 - 20068 - Peschiera Borromeo -Mi- cell. 3356032955